Saltar al contenido
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Città non raccomandate in Europa

L’Europa è nota per essere un continente enigmatico pieno di paesi che molti di noi vorrebbero visitare. Tuttavia, è anche noto che non tutto è roseo e che ci sono diverse città in Europa che non sono raccomandabili.

Se stai per visitare questo continente e vuoi sapere in anticipo quali città dovrebbero essere fuori dal tuo percorso, puoi continuare a leggere il nostro articolo.

Città non raccomandate in Europa

Per la nostra lista di città sconsigliate in Europa abbiamo preso in considerazione diversi fattori come l’educazione, la cultura, le infrastrutture, la stabilità economica, l’assistenza medica, tra gli altri aspetti che consideriamo importanti quando classifichiamo una città come buona o cattiva.

Sofia, Bulgaria

È la capitale della Bulgaria e ha una popolazione di 1.269.384 abitanti nel 2018. È la città più grande del paese e la 14° città più grande dell’Unione Europea.

Anche se la Bulgaria è un paese veramente meraviglioso, la corruzione è diffusa a Sofia e il tasso di povertà sta peggiorando da qualche tempo. È anche importante notare che il salario minimo in questo paese è abbastanza basso e anche se il costo della vita è basso, lo stipendio potrebbe non essere sufficiente per risparmiare.

La maggior parte della gente qui parla bulgaro, soppiantando altre lingue più diffuse nel mondo. L’aspettativa di vita qui è bassa, come l’insicurezza e il fallimento di alcuni servizi pubblici mettono questa città fuori dalla vostra lista di grandi città in cui andare o emigrare.

La corruzione, la disoccupazione e la povertà sono problemi che tirano fuori il peggio di noi come esseri umani e finiscono per abbassare la qualità della vita in diverse parti del mondo, compresa l’Europa.

Mitrovica, Kosovo

Mitrovica è una città che è anche un comune situato nel nord della provincia serba del Kosovo. Va notato che dalla fine della guerra del Kosovo, c’è una divisione tra la maggioranza albanese nel sud e la parte serba nel nord, chiamata Nord Mitrovica.

La città aveva una popolazione di 110.310 abitanti nel 1998. All’interno della città c’è il ponte sul fiume Ibar, che viene preso come separazione tra i due lati della città. Nessuno osa attraversare questo ponte, che ha serbi da una parte e albanesi dall’altra.

La città è sempre più sotto pressione, e non è molto chiaro quando potrebbe scoppiare un nuovo conflitto tra le due parti. I turisti sono rari qui ed è difficile vivere una vita normale in questa metropoli.

Malmo, Svezia

Malmo è una città nel sud della Svezia. È la terza città più popolata, con un totale di 280.415 abitanti secondo il censimento del 2010. Anche se è una bella città, ci sono molti immigrati e rifugiati da tutto il mondo che vengono a Malmo con l’intenzione di stabilirsi qui.

Possiamo dire che Malmo è una città multiculturale con persone di più di 160 nazionalità diverse che vivono qui. È quasi una destinazione preferita dagli espatriati di tutto il mondo, il che può essere un punto negativo. È difficile trovare un alloggio in questa città, poiché la domanda di alloggi è alta.

Le spese di base come l’affitto, il cibo, il trasporto e le utenze assorbono quasi l’80% dello stipendio mensile di un lavoratore, quindi anche se si tratta di uno stipendio alto di quasi 2000 euro, avrai difficoltà a racimolare soldi o a risparmiare per qualcosa di importante.

Subotica, Serbia

Subotica è nota per essere una città situata nel nord della Serbia e si trova a 10 chilometri dal confine ungherese. La città ha un totale di 140.358 abitanti registrati in un censimento condotto nel 2011.

Uno dei principali svantaggi di questa città serba è che la disoccupazione sta aumentando, soprattutto tra la popolazione giovane, così molti di loro sono disperati e prendono decisioni sbagliate e contribuiscono al crimine, alla violenza e alle rapine in città.

I salari in Serbia sono piuttosto bassi e la qualità dei servizi di base come l’assistenza sanitaria lascia molto a desiderare. Come straniero non potrai accedere al sistema medico gratuito, quindi è meglio ottenere un’assicurazione sanitaria internazionale prima di decidere di venire qui.

La gente del posto qui parla raramente inglese e iniziare a parlare la loro lingua potrebbe non essere una soluzione davvero rapida o ottimale per te. L’insicurezza qui è un problema abbastanza grande in quanto sarete esposti a rapine a mano armata, furti d’auto, rapimenti, tra gli altri, poiché questa città è davvero pericolosa. Anche la corruzione è un problema serio, quindi non raccomandiamo davvero questa città.

Belgrado, Serbia

Belgrado è la capitale della Serbia ed è conosciuta come la Città Bianca. È una città con una popolazione di 1,374 milioni di persone nel 2016, tuttavia, nonostante sia la capitale di un paese europeo, non è consigliabile vivere in questa città.

La corruzione, il vandalismo e il furto abbondano in questa città e il tasso di disoccupazione è vicino al 15%. I salari in questa città sono molto bassi e la gente spesso fa due o tre lavori diversi per guadagnarsi da vivere per sé e per la propria famiglia.

Nemmeno le persone di altre nazionalità possono accedere gratuitamente al sistema medico, anche se la qualità delle cure negli ospedali e nei consulti non soddisfa nemmeno gli standard internazionali a cui molti stranieri sono abituati.