Saltar al contenido
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Città non consigliate in Oceania

Questo è il continente più piccolo del mondo e anche il meno popolato con circa 40 milioni di persone nella sua totalità. È un continente culturalmente vario, tuttavia, ci sono alcune città in Oceania che non sono raccomandabili e dovrebbero essere evitate a causa di fattori che hanno troppa influenza sulla qualità della vita.

Anche se ci sono città in paesi che hanno una grande attrazione turistica, la verità è che vivere in queste città è un processo abbastanza difficile per i loro abitanti e a volte preferiscono emigrare in altre località o nazioni in cerca di migliori opportunità di lavoro e di vita.

Città non consigliate in Oceania

L’Oceania ha una diversità culturale impressionante e una diversità di flora e fauna. Indubbiamente, questo continente possiede delle meraviglie uniche che non potremmo mai trovare in nessun altro luogo del pianeta Terra.

Tuttavia, dobbiamo sottolineare che con questa lista di città sconsigliate in Oceania non cerchiamo di screditare il continente o le sue città, ma piuttosto di informarvi su ciò che accade qui in modo che possiate prendere le vostre misure prima di visitarle.

Lae, Papua Nuova Guinea

Lae è una città della Papua Nuova Guinea con una popolazione totale di 73.918 abitanti secondo l’ultimo censimento ed è la seconda città più popolosa dell’intero paese, situata solo accanto a Port Moresby, la capitale. Lae è considerata la capitale industriale della Papua Nuova Guinea.

È conosciuta per i suoi bellissimi giardini botanici ed è la capitale della provincia di Morobe. Attualmente è una delle città più pericolose per le donne e si stima che il 70% delle donne che vivono qui sono state vittime di stupro almeno una volta nella loro vita.

La violenza contro le donne qui è ritenuta accettabile e comune, quindi non ci si può aspettare alcun tipo di aiuto quando si è vittime di violenza di genere. Di solito vengono eseguiti stupri di gruppo e le donne vengono picchiate perché sono considerate avere “problemi di atteggiamento”.

Gli intervistati ci dicono con nonchalance e a viso scoperto che vedono gli abusi e le aggressioni come normali. Un capo banda dice che “di solito facciamo stupri di gruppo”, mentre un insegnante ammette di aver preso a pugni la moglie perché ha un “problema di atteggiamento”.

Per gli uomini di questa città è normale che le donne siano violentate e accettano e accolgono questa pratica. Purtroppo, tutto questo fa di Lae una delle città sconsigliate in Oceania, dove bisogna stare molto attenti quando si passa.

Yandina, Isole Salomone

Yandina è una città situata sull’isola Mbanika nelle Isole Russell, che fanno parte delle Isole Salomone. La città ha un porto e un aeroporto, e durante la fine del XX e l’inizio del XXI secolo ci sono state tensioni etniche nella stazione di polizia della città.

Tuttavia, i principali problemi di Yandina includono la povertà estrema, poiché si trova in uno dei paesi più poveri e gli indici di sviluppo sono estremamente bassi. L’educazione fornita lascia molto a desiderare e potrebbe certamente essere migliorata per mitigare la situazione in un modo o nell’altro.

Le condizioni degli ospedali e delle strutture sanitarie sono precarie e la qualità dell’assistenza sanitaria è stata trovata scarsa in diverse occasioni. La corruzione regna in questa città ed è molto difficile che la giustizia sia impartita correttamente in città.

Abbiamo anche il lavoro minorile, lo sfruttamento sessuale, il traffico di bambini, la discriminazione e l’abuso di bambini. Questo lascia molti bambini alla mercé di persone con intenzioni inaccettabili che approfittano dei loro bisogni e cercano di trarne profitto in qualche modo per migliorare le proprie condizioni di vita e peggiorare la vita di bambini innocenti.

Nadi, Figi

Terza città più grande delle Figi, Nadi si trova sul lato occidentale dell’isola di Viti Levu e ha una popolazione di 42.284 abitanti secondo il censimento del 2007.

Qui, il lavoro minorile è un problema che è andato aumentando negli anni, poiché molti dei bambini sono bambini di strada e gli adulti ne approfittano per ottenere manodopera a basso costo. Oltre a questo, la povertà estrema è in aumento in questa città.

La disoccupazione qui è alta e quelli che hanno un lavoro sono pagati molto poco e devono cercare altre soluzioni per provvedere a se stessi e alle loro famiglie.

Questa città delle Figi ha bisogno di politiche che aiutino prontamente a sviluppare le condizioni di vita dei suoi abitanti. È importante trovare il modo di sviluppare economicamente il paese per contribuire a migliorare i servizi pubblici e altri aspetti che hanno portato al declino della città.

Norsup, Vanuatu

Norsup è un’isola e una città della provincia di Malampa sull’isola di Malakula, Vanuatu. È vicino alla capitale della provincia di Malampa, Lakatoro.

È una città estremamente povera dove gli abitanti devono fare affidamento sull’agricoltura e la pesca per sopravvivere quotidianamente, anche se la città è attraente per i turisti.

Il problema principale è la povertà, che porta a situazioni spiacevoli come l’aumento del tasso di criminalità, rapine, scippi, estorsioni, tra gli altri. Molti degli abitanti di questa città preferiscono trasferirsi in altre località o paesi alla ricerca di migliori condizioni di vita per sé e per le loro famiglie.

È importante notare che attualmente non c’è un miglioramento della qualità della vita degli abitanti di Norsup e che spesso ci sono quelli che cercano le soluzioni sbagliate per risolvere le loro condizioni di vita.