Saltar al contenido
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Città non raccomandate in Asia

L’Asia è un continente pieno di cultura e di paesi che sono cresciuti economicamente negli ultimi anni. Vuoi vivere un vero shock culturale? Allora la cosa migliore da fare sarebbe fare un viaggio nel continente asiatico per conoscerlo. Tuttavia, qui abbiamo anche alcune città non raccomandate in Asia, città che purtroppo stanno attraversando grandi problemi economici e sociali.

Mentre abbiamo città non raccomandate in tutto il mondo, un paio delle migliori città del mondo sono in Asia, poiché il loro livello di povertà è estremamente alto e questo tende a guidare i livelli di criminalità locale.

Città non raccomandate in Asia

La maggior parte delle città di cui parleremo qui sono in cima perché sono sempre più povere, i servizi pubblici lasciano molto a desiderare, è molto probabile che tu sia vittima della criminalità mentre visiti queste comunità e infine stabilirsi qui sarebbe abbastanza difficile.

Questo non vuol dire sminuire il prestigio del continente asiatico, poiché molte di queste città hanno una cultura enigmatica e belle tradizioni che meritano di essere ricordate e custodite dalla maggior parte dell’umanità. Senza ulteriori indugi, queste sono le città non raccomandate in Asia.

Dhaka, Bangladesh

Questa è la capitale del Bangladesh, un paese situato nel sud del continente asiatico. La troviamo accanto al fiume Buriganfa e attualmente si è affermata come l’epicentro governativo, commerciale, economico e culturale del paese. Durante il XVII secolo fu stabilita come capitale Mughal del Bengala, conservando un certo numero di palazzi e moschee che sono sopravvissuti da quel tempo.

Oggi c’è una grande presenza di rifugiati ospitati all’interno della città, che ha avuto un impatto negativo sulla gente del posto che vive in città. Ci sono diverse tensioni xenofobe tra le due parti del conflitto e i livelli di povertà, uniti all’alta densità di popolazione e alla vulnerabilità ai disastri naturali, rendono questa una delle città meno raccomandabili dell’Asia.

Si può essere attratti da Dhaka per il suo significato culturale e storico, ma ci sono importanti precauzioni da prendere prima di decidere di fare un viaggio a Dhaka. I livelli di criminalità sono in aumento da alcuni anni e l’estrema povertà costringe molti dei suoi abitanti a fare scelte sbagliate.

Dushanbe, Tagikistan

Questa è la città più popolosa della Repubblica del Tagikistan ed è anche la capitale. Un censimento del 2010 ha registrato una popolazione di 724.000 persone. La differenza di popolazione tra questa città e il resto delle città del paese è abbastanza schiacciante, dato che ci sono ovviamente più persone qui che nel resto del paese.

La città è una delle più povere del mondo e la sua economia dipende principalmente dall’agricoltura, ma il suo PIL è estremamente basso e si crede che sia in declino.

È anche incline ai terremoti e ha zone ad alto rischio che devono essere evitate per evitare perdite di vite umane. Abbiamo anche zone minate in Tagikistan ai confini con l’Uzbekistan e l’Afghanistan. Di conseguenza, il paese ha una bassa incidenza del turismo e poco interesse per il paese.

Myitkyina, Birmania

Questa città è la capitale dello Stato Kachin, situato in Birmania. Nel 2006, la sua popolazione era di circa 150.000 persone. Il clima della città tende ad essere caldo durante la stagione secca e piuttosto umido durante la stagione dei monsoni.

Durante la seconda guerra mondiale, Myitkyna subì un grande assedio per un totale di 78 giorni da parte delle truppe che operavano sotto il comando americano di Joseph Stilwell. A causa dell’impatto di questi e altri incidenti, il paese ha lottato per uscire dalla povertà e oggi il PIL pro capite annuo è di 1790 dollari a persona, uno dei più bassi del mondo.

La città è afflitta da un altissimo livello di povertà, il lavoro minorile è un problema preoccupante nella nazione, e la disoccupazione è nota per essere alta e i salari molto bassi.

Tutto questo mix caotico la rende una città che attira pochi turisti ogni anno e anche se il costo della vita qui è basso, i salari sono appena sufficienti per sopravvivere giorno per giorno.

Kabul, Afghanistan

Questa è la capitale dell’Afghanistan e la più grande città del paese. Aveva una popolazione di 4.635.000 abitanti nel 2015. Attualmente governa come centro economico e culturale con una posizione strategica all’interno della stretta valle che circonda il fiume Kabul, in alto sulle montagne prima del Khyber Pass.

Alcuni dicono che questo è il posto peggiore per nascere e vivere. Qui i bambini muoiono ogni giorno a causa della povertà, della miseria e della violenza. La mortalità infantile qui è alta, la malnutrizione è un problema preoccupante, gli abusi sessuali sono diffusi e i matrimoni forzati sono tristemente comuni in città e nella nazione.

Kathmandu, Nepal

Questa è la capitale del Nepal ed è la città più grande di tutto il paese. Ha un’incredibile popolazione di 1.003.285 abitanti secondo il censimento del 2013. Kathmandu ha un tasso di povertà estremamente alto a causa dell’economia del paese, che ha un PIL annuo pro capite di 1384 dollari.

È una delle città meno sviluppate del continente e la sua economia si basa principalmente sull’agricoltura, con la coltivazione di zucchero e tabacco. Il paese ha pochissimi stranieri e la maggior parte degli stranieri che vivono nel paese sono rifugiati.

Uno dei principali problemi della città è il crescente sfruttamento dei bambini da parte di persone che predano i bambini di strada. La povertà estrema porta le persone a cercare soluzioni disperate alla loro situazione attuale e finiscono per commettere piccoli e piccolissimi crimini alla ricerca di mezzi di sussistenza per sé o per le loro famiglie.